Caro @EnricoLetta, sarà la volta buona per un Ministro dell’Innovazione?

Caro @EnricoLetta, sarà la volta buona per un Ministro dell’Innovazione?

Caro Presidente del Consiglio,

anno nuovo, Governo nuovo? Benché sembra che Lei non sia propenso ad un rimpasto di Governo, l’eventualità che ciò accada sono decisamente alte. Necessario per riequilibrare la maggioranza, il tanto discusso rimpasto potrebbe rivelarsi un’opportunità anche per dare uno slancio al digitale nel nostro Paese. Come? Trasformando un problema in un’opportunità, con la creazione di una figura che si occupi – realmente ed a tempo pieno – delle tematiche connesse al digitale.

Certo, in un paese normale quelle del digitale dovrebbero essere competenze diffuse, trasversali ai diversi Ministeri ed ormai consolidate. Tuttavia il Paese che Lei governa – spiace dirlo – per quanto riguarda il digitale è tutt’altro che un paese normale. Ai vertici delle classifiche quanto ad inadempienza degli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea, con tassi di analfabetismo digitale ben al di sopra del livello di guardia e una diffusione di infrastrutture di rete che ci pongono tra il Kenia e le Maldive ha abbondantemente dimostrato, negli ultimi anni, che il modello sinora scelto non funziona.

L’Agenzia per l’Italia Digitale è in attesa di uno statuto come Didi e Gogo aspettano Godot e la formula per la sua governance è così complessa da renderla – di fatto – l’ennesimo ente inutile. Francesco Caio è rinchiuso in meditazione con i suoi 12 saggi, ma la possibilità che possa – malgrado le migliori intenzioni – produrre qualcosa di diverso dall’ennesimo working plan (ossia ancora carta) sono a dir poco remote. In tutto questo gestisce una pax armata con Agostino Ragosa combattuta a colpi di datacenter. Insomma, caro Presidente, il tempo passa e non possiamo più permettercelo.

In tutto questo, malgrado i Suoi proclami, Zanonato rischia di mettere una pietra tombale sull’Agenda Digitale italiana con lo stop all’uso dei nuovi fondi europei per lo sviluppo. Alla faccia dei proclami.

Non bastano più né servono a qualcosa Agenzie, task force, branchi di saggi, intenzioni più o meno buone.

  • Serve il coraggio di prendere in mano la situazione e dare un segnale politico forte di attenzione verso i temi del digitale.
  • Serve una funzione di indirizzo e coordinamento che dia una declinazione strategica all’altrimenti inutile agenda digitale italiana.
  • Serve, insomma, una figura istituzionale – espressione del Governo – che si prenda in carico strutturalmente il tema del digitale nel nostro Paese.

Serve tutto questo per non perdere l’ennesimo treno, che non possiamo permetterci di mancare. E benché sia vero che è triste dover ammetter che nel 2014 quella del digitale sia tutt’altro che una competenza diffusa, è necessario un atto di umiltà e realismo per accettare un’amara realtà: se non c’è qualcuno che si occupi davvero del digitale, nessuno supporterà il digitale nel nostro Paese. E chi se ne occuperà deve farlo con cognizione ci causa, perché diversamente – disperdendo le competenze tra ministeri e commissioni – non succederà altro quello che sta già succedendo. WebTax docet.

Insomma: ci vuole qualcuno che si prenda in carico il problema. E non part-time, per riempire un buco tra due incarichi.
Ma chi? Lunghi dall’indicare dei nomi, ci permettiamo di darLe qualche suggerimento sulle caratteristiche che dovrebbe avere, secondo noi, il Ministro (o Sottosegretario) “ideale” per l’:

Continua a leggere su TechEconomy…

No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi