Diario di navigazione

Diario di navigazione

bussolaa.jpgSarà per deformazione professionale, o perché ho poca memoria. Sta di fatto che prendo molti appunti. E malgrado aggregatori, sistemi di social bookmarking, nani, ballerine e tutti gli altri strumenti che il web 2.0 mette a disposizione, lo faccio anche quando vago per la blogosfera. E per questo ho pensato di riassumere, come in un vero e proprio diario di navigazione, la mia settimana nel blog. Non è né vuole essere (né potrebbe essere) una rassegna stampa del blog italico, ma semplicemente una riorganizzazione dei miei appunti, ove raccolgo le non rare scoperte e le tante cose che mi sorprendono, mi interessano, mi stupiscono e mi fanno riflettere mentre vago a volte perso – altre consapevole – nei rivoli dei post di amici e perfetti sconosciuti (…in sintesi: serendipity autoreferenziale…)

La settimana, ovviamente, è partita con gli strascichi dell’ultimo Barcamp. Innumerevoli le cronache che si sono susseguite sull’argomento (tra gli altri, Christian Conti ne fa un simpatico post, Giovy un dettagliato resoconto, Antonio LdF una serie di piccoli ma efficaci ritratti di blogger, Gaspar entra nel dettaglio dei singoli interventi, Lele si perde in ringraziamenti). Molto incisivo il post di Marco; solo Piero – fuori dal coro – ne parla male (o almeno non ne parla bene…). Ma di particolare interesse mi è sembrata la querrelle tra coloro i quali vogliono mantenere “incontaminato” da influssi ed influenze commerciali il “modello” del barcamp, quanti ci riflettono cogitabondi e quanti invece pensano che tale contaminazione possa essere positiva. Considerazione personale: qualcuno ha criticato Tombolini per la sua presentazione dell’e-book, ma tutti hanno bevuto il suo vino

Mettendo da parte le questioni “barcampistiche” la settimana è stata poi dominata dal filmato inviato da Antonio Di Pietro su YouTube. La storia e la sostanza sono note. I commenti contrastanti. Massimo Mantellini sostiene che la comunicazione istituzionale del Consiglio dei Ministri vada fatta per vie ufficiali, Antonio Sofi, al quale fa poi eco Giuseppe Granieri, gradisce invece l’idea del Ministro. Cosa ne penso? Al di là delle valutazioni politiche, non capisco perchè avere un blog sia considerata una cosa positiva, inviare un video su YouTube no. Mi chiedo, invece, se Di Pietro si sia reso conto della grana in cui si è messo… Ha promesso di commentare i Consigli dei Ministri: quello di venerdì scorso era molto delicato. Manterrà la promessa? E comunque, come lo farà? Come per i romanzieri, la prova del nove è al secondo libro. E solo dopo potremo dare un giudizio…

Si riapre il dibattito qulla validità delle “mappe” dei blog, e di quella di Nova in particolare. A farlo è Tony Siino, che nel suo Deeario ha pubblicato un post interessantissimo sull’argomento, seguito poi da Giuseppe Granieri.

Si è parlato molto, in questi giorni, del blog in qualità di protomedia. Simone Morgagni spiega in un suo post cosa si intende con questo termine.

Qualche tempo fa parlai del cambiamento nel mondo dei media. Ci torna ora il Blog di Reporters, per raccontare dei cambiamenti nella redazione del Los Angeles Times. Ancora una volta, ci si muove verso un approccio integrato tra on-line ed off-line. E addirittura questa volta a guidare sarà l’on-line.

Concludo con qualche “spigolatura“:

Con questo, concludo il mio diario di navigazione. Fatemi sapere cose ne pensate!
Alla prossima!

12 Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi