Non ne capisco bene il senso…

Non ne capisco bene il senso…

Perdonatemi, ma faccio proprio fatica a capirne bene il senso
Voglio dire: ho un giornale, nel quale potrei inserire dei meccanismi di rilevazione del feedback come si fa da queste parti da anni, ma mi guardo bene dal farlo. In compenso arruolo un battaglione di cento blogger che deporto in massa sulla mia piattaforma avviando una batteria di blog

Che senso ha quello che faccio?
Se i blog in questo caso sono semplicemente un format editoriale da cavalcare perchè va di moda posso anche capirlo (magari non condividerlo), ma se i blog trovano la loro forza nel concetto di editoria indipendente, nell’aura di libertà d’opinione che si portano dietro e in tutte le cose che da tempo ci diciamo, me ne sfugge l’utilità, dal momento in cui vengono ingabbiati nel quotidiano di Confindustria… C’è una bella differenza tra un network di nanopublishing ed un network di blog di un megapublisher!

bho… Gaspar è ottimista, io per ora un po’ perplesso

Technorati technorati tags: , , , , ,

22 Comments
  • Luca Sartoni
    Rispondi
    Posted at 17:24, 13 giugno 2007

    Stefano, non crederai mica che qualcuno si lasci intimorire dal nome che ha sopra la testa?

    Se riesce ad essere indipendente Emilio Fede, non riesco proprio a capire la tua perplessità riguardo l’indipendenza dei blogger di nova100.

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 17:37, 13 giugno 2007

    @luca
    bhè.. se pensi che Fede sia indipendente allora hai ragione tu! 🙂
    Ma il punto – scherzi a parte – non sta tanto nell’indipendenza dei blogger, quanto nel senso complessivo (editoriale) della cosa… Non ho detto che non sono d’accordo, ma che mi perplime…

  • markingegno
    Rispondi
    Posted at 17:49, 13 giugno 2007

    Sono assolutamente convinto che Fede sia “indipendente” nel senso che il suo “affetto” per Berlusconi e’ totalmente sincero, non condizionato da imposizioni esterne.
    Altrimenti non posso credere che un uomo arrivi a quel livello di prostrazione 🙂

    Per quanto riguarda Nova100 seguo la vicenda dai commenti della blogosfera, ed a sentire le diverse opinioni mi convincono di piu’ quelle che esprimono qualche perplessita’, come anche ha fatto Roberto Dadda.

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 18:01, 13 giugno 2007

    @markingegno
    su fede – in questo senso – sono assolutamente d’accordo con te. 🙂

  • Posted at 19:02, 13 giugno 2007

    devo aggiungere che io, purtroppo, come fisima personale, penso sempre che chi ha un cappello sopra la testa, una protezione (come per esempio il nome sole24ore), sia MENO autorevole di chi una protezione come questa non ce l’ha, come presupposto.

    poi bisogna vedere cosa e come scrivono, e da questo dipende il giudizio ultimo.

    non so se sei d’accordo.

    ciao

    alessandro

  • Gaspar
    Rispondi
    Posted at 20:52, 13 giugno 2007

    Stefano, io sono ottimista a prescindere!

    E in questo caso, il mio ottimismo mi porta a pensare che i lettori di blog, come gli stessi blogger coinvolti, saranno perfettamente in grado di valutare se il progetto merita oppure no.

    Bisogna anche dargli qualche giorno di tempo, non credi?

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 22:36, 13 giugno 2007

    @eio
    completamente.

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 22:38, 13 giugno 2007

    @Gaspar
    che tu sia ottimista a prescindere non può che farti onore! 🙂
    per quanto attiene il progetto Nova100, hai senz’altro ragione, tra qualche giorno vedremo. Ma ciò che più mi perplime non è l'”affidabilità” dei blogger o la loro onestà intellettuale, quanto il senso editoriale del progetto. Che senso ha un network di blog strutturato in questo modo?

  • Pier Luca Santoro
    Rispondi
    Posted at 9:02, 14 giugno 2007

    Giornalisti ed editori – con tutte le eccezioni che le generalizzazioni comportano – sono affascinati ed al tempo stesso terrorizzati dall’ondata dei social media, del citizen journalism e, quindi, dei blog.
    Volendo dare un’interpretazione negativa sarebbe possibile ipotizzare una manovra di accerchiamento alla blogosfera da parte dell’editoria tradizionale.
    Al di là delle possibili interpretazioni, sono i numeri che parlano. Siamo il paese fanalino di coda [ancora una volta] sia per valori assoluti che per investimento procapite in comunicazione sul web; su qs basi iniziative quali Nova 100 non hanno senso a mio avviso.
    Un abbraccio.
    Pier Luca santoro

  • Massimo Moruzzi
    Rispondi
    Posted at 16:26, 14 giugno 2007

    ottimo post, duro il giusto.

    diciamo così: magari Luca sta cercando di dimostrare che è ora di cambiare come è fatto quell’impaludato giornale. In questo caso, gli mando un grosso in bocca al lupo! 🙂

  • giornalista
    Rispondi
    Posted at 18:12, 14 giugno 2007

    Vedrete quando il Sole 24 ore si schierera’ per Montezemolo….

  • Massimo Moruzzi
    Rispondi
    Posted at 18:52, 14 giugno 2007

    perchè, non l’hanno ancora fatto?

  • Stefano Vitta
    Rispondi
    Posted at 20:30, 14 giugno 2007

    Io tendo sempre a plaudere nuove iniziative, soprattutto quando proposte da persone capaci.

    Detto questo mi pare che qui ci si dimentichi del problema della raccolta pubblicitaria che, soprattutto per le piccole realtà, rappresenta un grosso ostacolo per chi parte da zero.

  • Pier Luca Santoro
    Rispondi
    Posted at 5:04, 15 giugno 2007

    Caro Stefano [Vitta], sulla professionalità di Luca De Biase, personalmente, niente da ridire……….anzi; altri mi pare invece abbiamo visioni troppo circoscritte non saprei dire se pour cause o per oggettive limitazioni di esperienza/capacità professionale.
    Come dico nel commento precedente le prospettive di raccolta sono infinitesimali [per piccoli e per grandi]; la stima degli investimenti in comunicazione digitale per il 2007 è di 665 milioni di euro dei quali il 50% almeno è per seo & sem, restano dunque circa 320 milioni di euro per i mille rivoli network di blog inclusi ; tanto per darti un termine di paragone la comunicazione outdoor vale 790 milioni di euro e il direct marketing 4.915.
    Al di là di ogni altra possibile considerazione, forse essere grandi è peggio.
    Un abbraccio.
    Pier Luca Santoro

  • Pank
    Rispondi
    Posted at 7:18, 15 giugno 2007

    La contraddizione che metti in evidenza mi sembra palese, ma da un progetto come questo possono scaturire delle buone cose.
    Potrebbe servire al Sole24ore per capire meglio qualcosa e potrebbe servire a far circolare certe conoscenze su canali diversi. E’ strano anche che si pensi di creare un grumo, un presunto centro d’influenza in una geografia che per definizione è diffusa e non raggrumabile. Ma credo d’aver capito che si tratti di un progetto suscettibile di cambiamenti e comunque è positivo il fatto che si possa concretamente contaminare un grande giornale. Insomma, se è un punto di partenza è una cosa che può portare solo bene, qualunque sia il futuro che ha. Secondo me.

  • Massimo Moruzzi
    Rispondi
    Posted at 15:17, 15 giugno 2007

    scusate, ma…

    a) non capisco che problemi di raccolta pubblicitaria possa mai avere il Sole24Ore. E “essere grandi è peggio”, poi? mah.

    b) 665 milioni di Euro per la pubblicità su Internet nel 2007 in Italia chi li ha dichiarati, Wanna Marchi? mah.

  • Titti Zingone-MarketingPark
    Rispondi
    Posted at 16:26, 15 giugno 2007

    Mi permetto, Stefano, di segnalarti la mia interpretazione:
    http://marketingpark.blogspot.com/2007/06/metafore-bovine.html

  • Pier Luca Santoro
    Rispondi
    Posted at 16:30, 15 giugno 2007

    Caro Massimo,

    I dati citati sono le proiezioni per il 2007 di Assocomunicazione mentre i consuntivi 2006 sono da fonte IAB/Nielsen [se vuoi approfondire/riscontrarlo, il caso vuole che ne parli oggi su marketingblog e vi sono i link relativi a tutte le fonti sopracitate ed altre che non sto qui a specificare].

    Il sole24Ore ha problemi di raccolta pubblicitaria, così come qualunque altro editore e relativa concessionaria in generale. Il riferimento sulla grandezza, comunque, non era al giornale ma ai 100 blog.

    Chiarito l’ambito, il senso è che vista l’esiguità della raccolta complessiva una struttura articolata quale Nova100 farà più fatica a rientrare economicamente degli sforzi.

    Sono inoltre le logiche di qs network nascente e di altri che a mio avviso non stanno in piedi nè concettualmente nè economicamente; alcune motivazioni – come predetto – le trovi [se credi]nel blog altre [se hai voglia] ce le chiariamo per mail o al telefono visto che possediamo entrambi in ns riferimenti.

    Un abbraccio.
    Pier Luca Santoro

  • Massimo Moruzzi
    Rispondi
    Posted at 8:39, 16 giugno 2007

    ciao Pier Luca,

    sono molto di corsa, ma quest’anno (2006) a quanto si è chiuso? 300? quindi, prevedono un aumento del 100%? a dopo.

  • Pier Luca Santoro
    Rispondi
    Posted at 13:05, 16 giugno 2007

    Ciao Massimo,
    Il 2006 pare – con tutte le approssimazioni del caso – essersi chiuso a 480 miloni di euro e prevedono un più 41,5% che dovrebbe portare l’overall [ma oltre il 50% è sem e seo] a 665 milini di euro. Il trend è di grande sviluppo ma si parte da basi molto basse percui le percentuali dicono poco. So che pare autopromozionale [ma è solo per sintesi] sul blog trovi tuti i dettagli e le fonti.
    A dopo.
    Un abbraccio.
    Pier Luca Santoro

  • Domiziano Galia
    Rispondi
    Posted at 21:37, 16 giugno 2007

    Supponendo anche le migliori intenzioni c’è che, secondo me, 100 blog sono decisamente troppi: quanti di voi ne leggono altrettanti ogni giorno? Secondo: mi pare che sia fondato il rischio mescolone: tutti parlano un po’ di tutto. Credo sarebbe meglio avere competenze specifiche. Terzo: a questo punto dovrei leggere Luca Conti su Pandemia o sul Nova? Nel senso: è una replica o i blog sono distinti? E se sono distinti secondo quale logica i post stanno da un parte o dall’altra? C’è differenza tra prima e seconda scelta?

    Mi rendo peraltro conto che queste son critiche da “addetto ai lavori” che, secondo me, è nostro errore comune: dimentichiamo che là fuori c’è tutto un mondo che non ci caga pari, che non ha già problemi di aggregatore feed saturo e per cui Nova potrebbe invece essere il primo “portale” sul mondo dei blog.

  • aghost
    Rispondi
    Posted at 7:32, 26 giugno 2007

    il senso mi pare abbastanza chiaro: ilsole24 cavalca una moda e pensa di trarne vantaggio, i blogger pensano di ricavarne visibilità.

    O no?

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi