L'avevo detto io: "non c'ero, e se c'ero dormivo"

L'avevo detto io: "non c'ero, e se c'ero dormivo"

Non riesco proprio ad immaginare il clima che si deve respirare in certi Consigli dei Ministri… Chi dorme, chi si mette le dita nel naso, chi pensa all’amato e chi all’amata (vabbè, ‘sti due non c’erano, ma tanto per dire i tipi…), chi legge Topolino, chi non ci va proprio. I nostri Ministri, come dei bambini beccati con le dita nella marmellata, si difendono dalla levata di scudi di ieri sul tema della Intenet Tax. C’è quello che ammette candidamente che aveva firmato senza leggere, l’altro che come a scuola ci dice che non c’era (ma porta la giustificazione: era corso a premiare i gggiovani, poverino), l’altro ancora che tra una visita a Second Life e l’altra precisa che il provvedimento al Consiglio dei Ministri non c’è proprio andato

E così dopo la brutta figura che riguarda il provvedimento in sè, si aggiunge la pessima figura di governanti approssimativi, distratti e improvvisati…

Va bene l’equivoco.. ma un po’ di eleganza… Viene il dubbio che non ci sia mai limite al peggio

Technorati technorati tags: , , , ,

8 Comments
  • catepol
    Rispondi
    Posted at 9:16, 21 ottobre 2007

    io adoro i tuoi post (che mi fanno capire tante cose)
    buona domenica

    PS come stai?

  • Posted at 12:23, 21 ottobre 2007

    Sei troppo buono. Sempre troppo buono. Quale equivoco!? Quel ddl è stato approvato il primo giorno lavorativo dopo il week-end dell’esodo estivo.. quando cioè un popolo intero è a dormire dopo 700km di autostrada, 2000km di aereo o dopo la cena luculliana con cui hanno festeggiato (3 giorni prima) l’avvento delle Ferie. E se non a dormire comunque rincojonito dal caldo estivo e stanco, stanco, stanco di impegnarsi in qualcosa di costruttivo. Non è un caso o un equivoco; oramai ogni anno si allunga l’elenco di provvedimenti canaglia che il palazzo elargisce ai suoi sudditi tra la seconda e la terza settimana di agosto. Io ti giuro, da un paio di anni quando arrivo alla fine di luglio mi chiedo “chissà quale provvedimento faranno quest’anno mentre la gente è in ferie”, e in quell’istante tremo. Il pensiero almeno una volta mi ci va.
    Sarebbe un equivoco se lo approvassero adesso, quando cioè le case e gli uffici sono pieni di gente davanti al computer…

  • difensore_dei_blog
    Rispondi
    Posted at 15:28, 21 ottobre 2007

    Ma lei professore come giudica la mobilitazione della blogosfera contro questo provvedimento? Io nella sola community di libero ho raccolto centinaia di adesioni alla mia petizione.

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 18:05, 21 ottobre 2007

    @catepol
    Troppo buona, come al solito! 🙂
    PS: il toradol è una mano santa! 😀

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 18:05, 21 ottobre 2007

    @MFP
    perchè non riesco a non essere d’accordo con te stavolta?

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 18:06, 21 ottobre 2007

    @difensore_dei_blog
    è forse la prima volta che una reazione “dal basso” genera un risultato immediato.

  • Giuseppe Vultaggio
    Rispondi
    Posted at 17:24, 22 ottobre 2007

    Parole, discorsi, fatti già sentiti, già visti. L’ennesima figura di indovi cosa. Io amo questo Paese, ma non le persone che lo governano, che siano di destra, di sinistra, di centro, di centro-sinistra, di centro-destra, di lato, per obbliquo o di taglio. Purtroppo ci troviamo ancora una volta a discutere delle “anomalie” delle leggi che dobbiamo rispettare o che dovremo rispettare. un giorno, quando avremo un po’ di tempo (e se vorrà) le svelerò alcune cose sul mio lavoro che son sicuro la colpiranno parecchio e che se non fosse che rischierei il posto, ci potrei tranquillamente scrivere un libro o fare un film-documentario alla Moore. Ma questa è l’Italia….croce e delizia.
    A presto Prof.!

  • Posted at 0:07, 23 ottobre 2007

    Stefano … perchè siamo esseri umani, qualcosa in comune dovremo pur averlo ogni tanto! 🙂

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi