L'Internet Tax in 1.500 caratteri

L'Internet Tax in 1.500 caratteri

Su ePolis di oggi ho pubblicato – nei soliti 1.500 caratteri – una sintesi del mio modo di vedere le cose sulla vicenda dell’Internet Tax. Voi come la vedete?

Una vera levata di scudi ha caratterizzato i blog italiani nei giorni scorsi. Tutti contro il Disegno di Legge Levi per la riforma dell’editoria. Al centro delle polemiche l’idea di rendere obbligatoria l’iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione per qualsiasi “attività editoriale”, includendovi quindi anche siti internet e blog. La reazione dei blogger – dopo l’allarme dato dal sito Civile.it – è stata immediata e ferma: no ad una legge liberticida. Quale sarà il finale di questa storia ce lo potrà dire solo il tempo; per il momento però sono due le considerazioni da fare. La prima: la reazione a quella che è stata impropriamente definita “internet tax” rappresenta un interessante esempio di coinvolgimento dei cittadini alla vita democratica reso possibile dalle tecnologie. Senza la protesta dei blogger il Ddl sarebbe probabilmente passato totalmente inosservato. La seconda: le reazioni scomposte del nostro Governo. Gentiloni che ammette candidamente di aver firmato il Ddl senza averlo letto con attenzione, Pecoraio Scanio che si discolpa dicendo che non era presente al Consiglio dei Ministri nel quale è stato discusso. Di Pietro che dice che non ne sapeva nulla perché non è stato proprio discusso. E tutti, naturalmente, che si dissociano da tutti prendendosela con tutti. Il tutto con riferimento ad una proposta che – se fosse passata nei termini paventati – sarebbe stata democraticamente folle e tecnicamente pressoché inapplicabile.

Articolo in formato PDF

Technorati technorati tags: , , , , , , , ,

4 Comments
  • Trinity
    Rispondi
    Posted at 8:46, 24 ottobre 2007

    OT: scusi Prof se la disturbo qui, ma continuo a trovare impossibile inviarle mail all’indirizzo indicato nel’avviso del bloglab.
    ho già provato due volte.
    Che fare?

    Ps: spero che il 31 avremo tempo di parlare del DDL perché in molti non ne sanno ancora niente.
    Arrivederci!

  • difensore_dei_blog
    Rispondi
    Posted at 14:24, 25 ottobre 2007

    Prof io con il mio blog lanciato appositamente contro questo Ddl ho raccolto tantissime adesioni alla mia petizione. Le posso assicurare che i bloggher non solo non vogliono che questa legge non riguardi i blog, ma, come dice lo stesso Gentiloni, vorrebbero che rimanga tutto come prima inquanto questa legge non va ad intervenire su un problema, ma lo andrebbe a creare al di la che riguardi o meno i blog, perchè limitare la libertà di informazione è inevitabilmente un problema. In sostanza ci stiamo attrezzando per chiedere l’abrogazione totale del documento, anche perchè la modifica proposta da Levi non è che sia così chiara visto che molti blog sono mandati avanti da un uso collettivo.

  • Spataro
    Rispondi
    Posted at 10:22, 26 ottobre 2007

    Grazie per la citazione, sono io…

    Su Corriere.it Levi cambia direzione: “Solo gli operatori professionali, quelli che svolgono come mestiere quello dell’attività editoriale. Il senso della legge per quanto riguarda Internet è quello di estendere ai giornali pubblicati su Internet le regole per i giornali pubblicati sulla carta stampata

    Si chiama divide et impera: separa i blogger dai siti professionali. Se lo fai per scherzare chiudo un occhio, se lo fai per lavoro, devi iscriverti.

    I bloggers pero’ oltre alla passione sanno che se il blog va bene puo’ diventare una fonte di reddito, e anche questo stimola chi prova ad inventarsi un nuovo lavoro.

    Nella definizione che Levi si inventerà cerchera’ sicuramente di obbligare all’iscrizione chi comincia a guadagnare due soldi. E i costi di iscrizione al Roc (ci vorra’ un direttore responsabile giornalista?) e la dichiarazione annuale con relativa tassa demotiveranno chi non e’ ricco di famiglia.

    La proposta di Levi quindi e’ il modo migliore per impedire ai “bambaccioni” di avere un secondo proprio lavoro, nuovo, piacevole, un paracadute in giorni di precariato.

    Certamente un blog all’inizio non rende, ma senza costi fissi si puo’ arrivare a guadagnare qualcosa. Perche’ bloccare tutti con adempimenti e burocrazia ?

    Oggi chi vuole iscriversi al Roc lo puo’ già fare. La riforma non e’ quindi necessaria per consentire ai professionisti di iscriversi al Roc.

    Quello che invece Levi vuole cambiare e’ imporre l’obbligo di iscrizione a tutti.

    Bisogna seguire chi sosterrà il ddl anche con i condizionali e chi realmente dira’ no.

    Di una riforma editoriale, oggi, non c’e’ bisogno. Le norme che si vogliono riformare si possono gia’ applicare al web.

    Ma oggi siamo ancora liberi di scegliere se diventare testate giornalistiche o meno.

  • turbo2000
    Rispondi
    Posted at 10:32, 26 ottobre 2007

    Questi disegni di legge, questi ministri…Mah. Mi semrbano tutti pazzia pura.Sarebeb ottimale possede le 100 mercedes slk della vodafone e sopprimerli tutti!Voi li avete già scritto alla vodafone?Si dai, inviato un sms al 444…è in corso la promozione con la quale dicono si possano vincere tante mercedes slk!Una slk 200 kompressor al giorno x 100 giorni!E x ottenerla basta un semplice sms….

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi