Di chi è la colpa dei nostri asini?

Di chi è la colpa dei nostri asini?

In questo numero di e-Polis il tema è l’ignoranza dei nostri studenti, e la responsabilità di tale ignoranza. Non manca un riferimento a PiùBlog

Peggio di noi, in Europa, solo Grecia e Portogallo. È questo – in sintesi – il risultato della ricerca OCSE-Pirls ( Progress in International Reading Literacy Study) che indaga sul livello di preparazione dei giovani studenti nel mondo. Un risultato che non si può ignorare, se si vogliono oggi porre le basi per un cambiamento futuro. Ma per farlo non si potrà prescindere dalla capacità di conoscere e gestire la complessità che viene dall’universo della Rete. Una Rete che troppo spesso si immagina sia ben nota ai giovani, che senza difficoltà vi navigano e che – a volte – vi si perdono. Tuttavia ritenere il digital divide soltanto un problema generazionale equivarrebbe a sottostimarne enormemente la portata. I nostri giovani (qualcuno li chiama “nativi digitali”), abilissimi a mandare MMS ma molto meno ad usare un semplice foglio elettronico, non sempre comprendono le potenzialità degli strumenti che hanno a disposizione. Dare loro le chiavi di lettura per un uso efficace delle tecnologie è una responsabilità da non sottovalutare, dalla quale dipende in buona parte la possibilità di sviluppo del nostro Paese. Anche di questo, tra le altre cose, si discuterà al convegno PiùBlog, organizzato nell’ambito della Fiera della Piccola e Media editoria, che si terrà a Roma a partire da giovedì presso il Palazzo dei Congressi dell’EUR.

Technorati technorati tags: , , , ,

7 Comments
  • anonimo
    Rispondi
    Posted at 17:49, 5 dicembre 2007

    Secondo me questa è una ricerca da PIRLS!

  • markingegno
    Rispondi
    Posted at 18:12, 5 dicembre 2007

    Ma a proposito di piublog, ci sei domenica? 🙂

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 22:47, 5 dicembre 2007

    @Anonimo
    …in una prima stesura me lo ero lasciato scappare anche io.. ma poi sul giornale sembrava brutto..
    PS: ma perchè anonimo?

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 22:47, 5 dicembre 2007

    @markingegno
    certo! 🙂

  • Francesco
    Rispondi
    Posted at 14:17, 6 dicembre 2007

    Cos’è questa, l’ennesima spalata di fango sui giovani? Non condivido.

  • brassy
    Rispondi
    Posted at 18:18, 6 dicembre 2007

    Vista la mia giovine età, faccio parte degli studenti citati nell’articolo. Ahimé, condivido. C’è chi non capisce come installare un programma o cosa sia uno script.

  • Stefano Epifani
    Rispondi
    Posted at 23:24, 6 dicembre 2007

    @Francesco
    Leggi bene, prima di dire se condividi o meno.

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi